Come esprimere il proprio potenziale: sii te stesso.

Be yourself. Are you a naturally collaborative person who likes to riff on other people’s ideas? Do you think more clearly when you’re in jeans and sneakers? Then why apply to a work at a company with a strict hierarchy, cubicles, and a dress code? It might seem okay for now, but soon both you and your employer will be frustrated by the mismatch. A bit of upfront soul searching and some research into the goals and culture of your potential company will save you lots of time—and career heartache—in the future.

Grazie a questo contributo di quel geniale Tim Brown (CEO di IDEO) ho trovato ispirazione per condividere alcune idee che mi giravano in testa, riferite anche ad un altro modo di far azienda, perchè se sei con la testa, col cuore e con il fisico nello stesso posto (di lavoro) non puoi sbagliare. Più sei al tuo posto e più arrivi lontano.

Tutto ciò che spesso le persone si pongono come obiettivi, voglio questo, voglio quello, voglio fare quest’altro, dovrebbero essere conseguenze di quello che sei. Tu fai quello che sei e di conseguenza ti arriva tutto.
Trovarsi nel “posto” giusto significa essere nel giusto, significa essere autentico.
A proposito di vestire casual in un ambiente con un dress code formale, questo si genera inevitabilmente disequilibrio. E questo vale per entrambe le parti.

Vivere è prima di tutto viverti quindi mettiti in gioco e prendi coscienza del tuo potenziale e cerca una realtà in cui investire questo potenziale al 110%.

La domanda a questo punto sarebbe, ma quanta gente si ascolta? Quanta gente si dedica del tempo? Quanta gente cerca di essere autentica? Quanta gente lavora…per ascoltarsi? C’è gente in giro che è in un fisico e la testa è da un’altra parte, non c’è neanche una comunicazione tra il fisico e la testa. Abitano quel corpo fisico ma non ascoltano le esigenze del fisico, non ascoltano i loro ritmi, le stagioni, il momento di fare una cosa, quello che il fisico gli dice. Tutta l’energia è volta ad orientarsi verso un sistema o un paradigma in cui rientrare il più possibile, ci devi stare dentro per forza. Al posto di impegnarti a starci dentro, impegnati a elaborare la tua. Investi le tue energie nell’elaborare una tua realtà dove investire tutto te stesso.

Qualsiasi cosa tu fai per reazione si esaurisce, restano invece le cose che fai per amore, restano le azioni che tu compi. Essere al centro del tuo progetto, di quello che sei, vuol dire essere al centro del mondo. Più stai al tuo posto, più arrivi lontano. E non ne hai un’idea finchè non lo provi. Supera di gran lunga l’immaginazione.

Una persona ha a disposizione una vita per dar forma alla propria unicità. La cosa bella è che nessuno può fare le cose come le faresti tu e se non le fai tu rimane un posto vuoto.
Vivere con V maiuscola vuol dire mettere in gioco la tua persona a 360 gradi ed è un progetto spettacolare, vuol dire investire le energie nel modo in cui viene naturale e piace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *