La tua azienda è pronta a fare felici i Millennials?

I believe that younger generations will change careers at least once and try a variety of different roles. There will be less long term commitment to organisations.

My career will be one of choice, not one chosen out of desperation. It will align who I am with what I do.

I think our generation will continue to conduct business in more global settings and we’ll use different forms of technology to communicate across borders.

In this day and age you have to be exible and you can’t rely on working for the same employer for many years.

Everything is much more dynamic and fast-paced these days. If you lose contact with information for one second, you fall behind.

If I’m working on something I enjoy and am passionate about, I will be motivated.

What motivates me is a good working environment and friendly colleagues. If your workplace becomes your second home, you would want to give it your best.

I want to feel valued, and be given tasks that allow me to stretch myself to the full extent of my abilities and, by doing so, develop my skills.

What motivates me? Recognition for my hard work and being able to really see the difference my work makes to others.

I want to feel valued, and be given tasks that allow me to stretch myself to the full extent of my abilities.

I expect to travel and my career will be more about enjoying the experience than earning money.

I think we’re expected to produce more work in a shorter period of time [than earlier generations].

Le frasi che avete appena letto sono affermazioni di Millennials che sono appena entrati nel mondo del lavoro e lo faranno nei prossimi anni. Sono affermazioni provenienti da persone di tutto il mondo compresa l’Italia. Quali pensieri vi sono venuti in mente?

La generazione Y è radicalmente diversa dalla precedenti generazioni per molti aspetti immateriali legati alla ricerca di un forte significato nel lavoro, la gestione dei rapporti con i colleghi e con il management, l’uso delle tecnologie digitali e degli spazi architettonici. A proposito, il vostro ambiente di lavoro soddisfa i bisogni di tutte le generazioni che lavorano al suo interno? Perché disegnare una buona employee experience significa tenere in considerazione i bisogni di tutti senza distinzione di razza, età, livello di talento. La gestione della diversità passa anche per queste attenzioni.

Le felicità dei Millennials, e intendo anche la motivazione e l’engagement, è l’opportunità più importante da cogliere ora e nei prossimi anni per tutte le organizzazioni, per fare in modo che questa generazione sia attratta e ispirata nel migliore dei modi dal vostro ambiente di lavoro. Ancora di più se l’azienda per cui lavorate sta cercando quei talenti che andranno gradualmente a rafforzare il management.

Il graduale miglioramento dell’ambiente di lavoro è anche un buon banco di prova per i cambiamenti che seguiranno con la generazione Z che in fatto di abitudini e attitudine sarà ancora più dirompente dei Millennials.

In questa buona ricerca di PwC ci sono ottimi findings sui cambiamenti che la vostra organizzazione dovrà fare per essere profittevole sul mercato nei prossimi anni. Leggendola mi sono sentito particolarmente ispirato perché una buona parte di essi sono gli stessi fattori chiave che determinano la felicità a lavoro.

Image © 2014 Kris Krüg, Creative Commons 2.0 https://flic.kr/p/nCrTF8